Filosofia del brand

Serietà, professionalità, esperienza, passione. Per realizzare orologi unici e inimitabili, non basta un design sobrio ed elegante, non bastano materiali all’avanguardia… il segreto dei nostri orologi è anche dentro di loro, nel modo in cui sono progettati e costruiti: amici del mare, perché inattaccabili dalla salsedine, compagni fedeli dei sub più esigenti, perché affidabili sempre.

storia

Neuchatel, 1959

Charles Von Buren diede vita al brand Squale, un marchio Swiss Made specializzato nella produzione di orologi automatici da sub alla stregua di veri e propri “strumenti da lavoro” utili a calcolare i tempi di immersione e di compensazione. Con l’arrivo degli orologi Squale Charles Von Buren stava dando il via a ciò che oggi conosciamo come Professional Diving Watch.

Trovare negli anni ’60 un orologio subacqueo preciso, affidabile, impermeabile e resistente a certe profondità era un’impresa ardua, in quegli anni non esisteva l’orologio subacqueo come lo intendiamo oggi. Proprio Charles Von Buren, insieme ai tecnici orologiai della Squale, andò alla continua ricerca della perfezione e dell’affidabilità che il sub esperto desiderava trovare in uno strumento da polso dotato anche di particolari oggi scontati, ma all’epoca innovativi, come la lancetta dei minuti arancione e fluorescente. Dopo molti test di funzionamento eseguiti da sub professionisti, il marchio Squale si affermò subito come vero Orologio per sub. Il Professional Diving Watch era ormai nato e la Squale ne era tra gli artefici.

Fu l’avvio di una storia di successo, gli anni ’60 e ’70 portarono alla luce dei modelli, tutt’oggi storia dell’orologeria subacquea, che divennero iconici, ci riferiamo ai noti Squale 1521, Squale 2002 e Squale Master, degli orologi inimitabili e pieni di fascino che suscitarono l’interesse dei grandi marchi dell’orologeria svizzera. Proprio i marchi più noti dello Swiss Made iniziarono a commissionare a Squale la produzione di orologi da sub: se un orologio sul quadrante aveva impresso il logo Squale (detto VON) allora si trattava di un vero orologio subacqueo affidabile e sicuro. Le caratteristiche di super resistenza ed affidabilità che contraddistingueva uno Squale erano confermate da grandi atleti che scelsero questi orologi per raggiungere i loro record. Nel 1967 Enzo Maiorca utilizzò l’orologio Squale Master per registrare il record di immersione, nel 1970, invece, fu il celebre Jacque Mayol, che con un orologio Squale al polso, raggiunse il record storico di immersione in Giappone scendendo alla profondità di 76 metri.

In questo periodo di grandi successi, Charles Von Buren andò alla ricerca di un valoroso collaboratore per farsi aiutare nello sviluppo del prodotto e sui suoi passi incontrò la famiglia Maggi con la quale intraprese una partnership rivelatasi, poi, riuscita. Grazie alla famiglia Maggi il marchio Squale entrò facilmente nel mercato italiano, una piazza dal potenziale elevato considerati gli innumerevoli chilometri di costa che circondano questa nazione.

L’Isola del Giglio (Toscana) si prestò subito come scenario incantevole per l’esecuzione di innumerevoli ulteriori test che puntavano ad affinare un orologio già di altissimo livello. Fu qui che la famiglia Charles Von Buren fece svariate immersioni, anche a scopo culturale, sempre indossando gli splendidi orologi svizzeri Squale. Ma lo snodo più importante che avvolge questo meraviglioso marchio fu’ in questo periodo storico, siamo negli anni ‘70 quando si confermò un’amicizia vera e sincera, anche extraprofessionale, tra le famiglie Maggi e Von Buren. Questa amicizia leale rese naturale, spontaneo e del tutto genuino il passaggio del marchio Squale dalle mani di Charles Von Buren alla famiglia Maggi la quale, dagli anni ’80, iniziò a gestire in piena autonomia, con il benestare di tutti i componenti della famiglia Von Buren, il marchio Squale con l’unico l’obiettivo di renderlo sempre più affermato. Charles Von Buren lasciò in ottime mani la sua creazione.

Negli anni che seguirono (anni ‘80/’90) la famiglia Maggi sviluppò diversi modelli che riscontrarono un buon successo sul pubblico italiano, ma nel contempo la famiglia Maggi capì il cambiamento globale che stava vivendo il mercato. Per il bene del marchio, iniziarono a lavorare alla distribuzione su scala mondiale di questi orologi. La famiglia Maggi si impegnò a fondo con tutte le proprie risorse per ridare un “respiro internazionale” agli orologi Squale ricordando al mercato che si trattava di un marchio svizzero, produttore di Professional Diving Watch, con una grande storia alle spalle che produceva prodotti contraddistinti sempre da un’eccellente manifattura svizzera e gestito da una famiglia che mette al primo posto la propria passione per l’orologeria.

Il lavoro di tutti questi anni fu ricompensato a partire dal 2005, anno in cui gli orologi Squale ritornarono ad affacciarsi sul mercato internazionale cavalcando, in un primo momento, il ritorno del vintage come moda del periodo. Fu subito un successo, si resero conto che il pubblico mondiale parlava ancora degli orologi Squale ed era estremamente affezionata a questo marchio che rimase in tutti questi anni un punto di riferimento nel mondo della subacquea.

Ad oggi l’obiettivo della famiglia Maggi, tra le poche realtà familiari nel settore dell’orologeria tutt’oggi presenti in Svizzera, è consolidare i valori unici del brand Squale: qualità ed affidabilità. Qualità nei materiali ed affidabilità intesa come vantaggio di un orologio da sub professionale rispetto ad un computer subacqueo. Gli orologi Squale, infatti, supportano shock termici superiori ai computer da polso, non dipendono da batterie, ma sono equipaggiati con movimenti automatici ultra collaudati e Swiss made.

COME NASCE UNO SQUALE

La grande tradizione Svizzera per l’orologeria di precisione, unita alla Solidità e durata nel tempo: la cassa, secondo la tradizione, è realizzato interamente con acciaio 316L svizzero.
Anche la componentistica è tutta svizzera: corone, tubetti e guarnizioni. Questi sono particolari essenziali, per un orologio che deve affrontare pressioni elevate e salsedine. L’assemblaggio è frutto del lavoro e dell’esperienza di mastri orologiai, eseguito con la massima cura per quanto riguarda la posa delle guarnizioni e per la chiusura ermetica della cassa, successivamente sottoposta a severi controlli, sia per resistenza all’acqua, sia per il funzionamento di precisione. I test di qualità riguardano ogni singolo orologio e non a campionatura. Infine l’affidabilità del movimento è certificata dal fatto che Squale è cliente diretto della Fabbrica ETA di Grenchen da sempre garantendo la prima

TAPPE DELLA STORIA

1950

Charles e Hélène von Buren fondano la fabbrica di orologi chiamata von Buren SA a Neuchâtel, Svizzera. Presto rivolgono la loro attenzione al campo allora quasi inesplorato degli orologi per sub professionisti ed iniziano a produrre col marchio “Squale” orologi subacquei affidabili, robusti e di qualità. La loro figlia Monique, viene coinvolta in questa esperienza e nel testare questi orologi diviene un?atleta del nuoto e una sub esperta nelle immersioni e più avanti una biologa marina.. Nel 1959 la von Buren SA con le idee e la supervisione di Charles brevetta il marchio Squale e produce il suo primo brevetto per la costruzione di una cassa di un orologio subacqueo.. Avere un orologio sub affidabile era una componente essenziale per sub.in quegli anni infatti non si avevano altre apparecchiature che potessero aiutare durante le immersioni nel calcolo dei tempi di immersioni ed era considerato tra le apparecchiature tecniche più essenziali per la sicurezza di un sub.

1967

La von Buren SA produce orologi sempre più sofisticati e, inserendo il logo Squale anche nei quadranti, da inizio alla storia internazionale e commerciale del marchio. In questi anni grazie alla grande affidabilità degli orologi, ai record di sicurezza e al prestigio internazionale, Squale sponsorizzò molte competizioni sportive internazionali e fu sempre indossata da grandi subacquei come Jacques Mayol, Enzo Maiorca, Giuliana e Maria Treleani. Squale, in questo periodo di successi sportivi, ha inoltre introdotto il suo primo orologio subacqueo 1000 metri con vetro plexiglass e lunetta a pressione, il “Master”.

1970

L’apneista francese Jaques Mayol, soprannominato l’Uomo delfino, fu più volte detentore di record di immersione in apnea indossando orologi Squale. Nel 1970 ad esempio utilizza uno Squale in Giappone per raggiungere il record di -76 mt. Jacques Mayol (la cui vita è stata oggetto del film di Luc Besson, Le Grand Blue) ha vissuto con la famiglia von Buren per un certo periodo tempo durante il quale praticava anche yoga , pratica che migliorò notevolmente la sua performance fisica quale grande lavoro di estremo sforzo personale.

1988

Nasce il modello Tiger che si proponeva come orologio professionale subacqueo, con il più sottile movimento automatico meccanico della produzione Squale. Il modello è stato studiato appositamente per rispondere alle esigenze dei sub: il fondo zigrinato ideato appositamente per non far scivolare l’orologio dalla muta, corona protetta per eventuali urti, quadrante con indici grandi dalle 9 alle 2 per l’immersione notturna. Il Tiger è l?unico orologio della serie Squale, e uno dei pochissimi al mondo, ad avere la funzione di poter bloccare e sbloccare tramite il pulsante rosso la ghiera girevole bidirezionale per il calcolo dei tempi d’immersione, così da impedire qualsiasi pericoloso spostamento accidentale. Profondità 300mt.

Cosa dicono di noi

Cosa facciamo

Maecenas hendrerit congue tortor non rutrum. Donec at cursus odio, aliquet feugiat ex. 

la visione

Maecenas hendrerit congue tortor non rutrum. Donec at cursus odio, aliquet feugiat ex. 

gli obiettivi

Maecenas hendrerit congue tortor non rutrum. Donec at cursus odio, aliquet feugiat ex.